Società Teosofica

Da Wiki Italiano.
Versione del 21 nov 2018 alle 06:23 di Daniele Urlotti (Discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

La Società Teosofica è un'organizzazione fondata a New York il 17 novembre 1875 da un gruppo di persone che includevano la nobildonna russa Helena Petrovna Blavatsky, il colonnello americano Henry Steel Olcott, l'avvocato americano William Quan Judge e altri sostenitori del pensiero allora diffuso da Madame Blavatsky. Già il 3 aprile del 1905 essa venne riconosciuta come Ente Morale a Madras in India.


I tre scopi

La Società Teosofica è fondata sui seguenti tre scopi dichiarati:

1. Formare un nucleo della Fratellanza universale dell'umanità, senza distinzione di razza, credo, sesso, casta e colore.

2. Incoraggiare lo studio comparato delle religioni, filosofie e scienze.

3. Investigare le leggi inesplicate della natura ed i poteri latenti dell'uomo

L'approvazione e il rispetto di tali scopi è l'obiettivo primario di ogni teosofo, nonché la condizione primaria per poter entrare a far parte della Società Teosofica.


Chi sono i teosofi?

La Società Teosofica è composta di studiosi appartenenti a qualsiasi religione del mondo o a nessuna, uniti nell'approvare i succitati scopi della Società, con il desiderio di rimuovere gli antagonismi religiosi e di attrarre gli uomini di buona volontà, qualunque sia la loro opinione religiosa e dal desiderio di studiare le verità religiose, nonché di condividere con gli altri i risultati dei loro studi.

Di seguito si riportano alcune affermazioni riguardanti i teosofi, prese dalla rivista inglese Theosophist e pubblicate nel retro di copertina di ogni numero della Rivista Italiana di Teosofia:

- Il loro vincolo di unione non è professione di una credenza comune, bensì una comune ricerca ed aspirazione alla Verità.

- I teosofi sostengono che la Verità deve essere cercata con lo studio, con la riflessione, con la purezza della vita, con la devozione agli elevati ideali e considerano la Verità come una ricompensa alla quale si mira, non come un dogma che si deve imporre con autorità.

- I teosofi ritengono che la credenza debba essere il risultato dello studio individuale o dell'intuizione e non la sua premessa e che debba basarsi sulla conoscenza, non sulle affermazioni.

- I teosofi estendono la tolleranza a tutti, anche agli intolleranti, non come un privilegio da concedere, bensì come un dovere da adempiere e cercano di rimuovere l'ignoranza, non di punirla.

- I teosofi considerano ogni religione come un'espressione della Divina Saggezza e preferiscono studiarla anziché condannarla: praticarla anziché farne proselitismo

Attraverso lo studio delle opere teosofiche, i membri della Società Teosofica ricercano e approfondiscono la Verità ed i teosofi cercano di viverla.

Pace è la loro parola d'ordine e Verità la loro meta.


Per ulteriori approfondimenti si rimanda al seguente link al sito della Società Teosofica Italiana [1]