Lettera dei Mahatma n° 4

Da Wiki Italiano.

Colonnello Olcott pensò che Sinnett dovesse pubblicare immediatamente nel The Pioneer i resoconti di tutti i fenomeni avvenuti a Simla. Quando ciò non accadde, scrisse un articolo intitolato "Un giorno con Madame Blavatsky" nel quale descriveva alcuni di questi fenomeni. In questo articolo menzionava i nomi di alcuni importanti uomini inglesi che furono presenti in tali occasioni. Inviò la storia a Bombay, a Damodar Mavalankar , che era responsabile della sede durante l'assenza dei fondatori, affinché egli la diffondesse tra i membri locali della Società Teosofica.

Sfortunatamente, il Times of India ottenne in qualche modo una copia di tale scritto e la pubblicò, insieme ad alcuni commenti offensivi. Damodar scrisse una lettera di protesta che il Times rifiutò di pubblicare. Tuttavia, la Bombay Gazette pubblicò un’acuta controreplica di H.P.B.. Le persone i cui nomi il Colonnello Olcott aveva menzionato nel suo articolo furono estremamente imbarazzate e scontente per la pubblicità ottenuta, e naturalmente tutta la faccenda si ritorse su H.P.B. che fu presa dallo sconforto e inviò una richiesta di aiuto al Mahatma K.H. Lei e il Colonnello erano ad Amritsar in quel periodo.

In quel momento, il Mahatma K.H. era in viaggio – con il suo corpo fisico - attraverso il Ladakh, di ritorno da una visita al Mahachohan per consultarsi con lui su alcuni sviluppi menzionati nel primo paragrafo di questa lettera, nonché sulla lettera che egli (K.H.) aveva ricevuto da A.O. Hume. Quando sentì il disperato grido d’aiuto di H.P.B., decise di cambiare rotta e andare da lei.

Fenomeni

Prima che Sinnett lasciasse Simla, inviò una lettera raccomandata (registrata presso l’ufficio postale) a H.P.B. ad Amritsar, affinché fosse inoltrata al Mahatma K.H.

H.P. Blavatsky ricevette la lettera raccomandata il 27 ottobre e la inviò a K.H. con mezzi occulti non appena ricevuta; erano le 14:00 – ora segnata dal registro postale. Il Mahatma K.H. era a bordo di un treno (nello Stato che ora è il Pakistan) in viaggio per vederla.

Ricevette la lettera alle 14:05 vicino a Rawalpindi. Alla stazione successiva (Jhelum) scese dal treno, si recò presso l’ufficio del telegrafo e scrisse un telegramma di ringraziamento a Sinnett, messaggio che fu, ovviamente, datato e depositato dall'agente telegrafo.

Il Maestro incaricò inoltre H.P.B. di restituire a Sinnett la busta in cui era stata ricevuta la lettera, che mostrava la data e l'ora della registrazione. All'inizio Sinnett non riusciva a capire perché avrebbe dovuto salvare questa vecchia busta, ma la salvò e in seguito vide la connessione: la data e l'ora della registrazione della lettera e la data e l'ora dell'invio del telegramma mostrarono che la la lettera non avrebbe potuto raggiungerlo che con mezzi occulti. Più tardi, il Mahatma chiese a Sinnett di conservare la copia manoscritta del telegramma, Sinnett obbedì, ed ora la copia si trova tra le Mahatma Letters nel British Museum. Così Sinnett si rese conto che H.P.B. aveva gestito una trasmissione molto veloce della sua lettera attraverso alcune centinaia di miglia.

Quindi, a quanto pare, il Mahatma K.H. era disposto a dare a Sinnett un'altra prova della sua esistenza e di alcuni dei suoi poteri. L'intero accaduto è una delle prove più convincenti presenti in tutta la letteratura teosofica.